La chimica
 

Acqua di cristallizzazione

Massimo Soricetti 14 Mag 2017 11:51
Chiedo qui perché non sono riuscito a trovare dati altrove. (OK, non è che ho
cercato per mesi, d'accordo, però...)

Quanta acqua di cristallizzazione c'è in un sasso?
E quanta ce n'è in una zolletta di zucchero?

Dove posso reperire questi dati per le rocce e le sostanze cristalline più
comuni?
*GB* 14 Mag 2017 21:12
Il 14/05/2017 11:51, Massimo Soricetti ha scritto:

> Quanta acqua di cristallizzazione c'è in un sasso?

Non credo che tu abbia chiaro che cosa s'intende con "acqua di
cristallizzazione". Essa è il numero di molecole d'acqua che entrano a
far parte della struttura cristallina di un sale ionico quando esso non
è in forma anidra. Il sale anidro e quello idrato possono presentare
proprietà diverse, ad es. CuSO4 anidro è bianco mentre CuSO4·5H2O (che
in natura è il minerale calcantite) è tipicamente blu - così come una
soluzione ottenuta da entrambi, perché in soluzione acquosa lo ione rame
si trova sempre coordinato come [Cu(H2O)6]++ (e il solido pentaidrato è
in realtà [Cu(H2O)4]SO4·H2O).

Quindi l'acqua di cristallizzazione di un sasso dipenderà dai minerali
che lo compongono. Se è quarzo, sarà SiO2 e se è calcite sarà CaCO3 (in
entrambi i casi niente acqua di cristallizzazione). Se è gesso, sarà
CaSO4·2H2O mentre se è anidrite sarà CaSO4 e basta (senza acqua di
cristallizzazione).

> E quanta ce n'è in una zolletta di zucchero?

Sebbene non sia un sale ionico, il destrosio (D-glucosio) può esistere
sia anidro che monoidrato. Non mi sembra che il saccarosio (zucchero
comune) in cristalli si possa avere in forma idrata (che è cosa diversa
da zucchero umido).

> Dove posso reperire questi dati per le rocce e le sostanze cristalline più
comuni?

Non mi è chiaro a che ti servano questi dati. Soprattutto visto che non
ci capisci niente. Se hai meno di 18 anni hai ancora tempo per imparare,
soprattutto se chiedi al tuo prof di scienze. Se invece hai già più di
30 anni, il mio consiglio è di dedicarti ad altro e lasciar perdere una
scienza difficile e pericolosa per cui, come tanti, non sei portato.

Bye,

*GB*
Massimo Soricetti 15 Mag 2017 14:02
Quindi non sai niente sull'acqua di cristallizzazione delle varie sostanze?
Wakinian Tanka 15 Mag 2017 15:32
Il giorno lunedì 15 maggio 2017 14:02:12 UTC+2, Massimo Soricetti ha scritto:
> Quindi non sai niente sull'acqua di cristallizzazione delle varie sostanze?

Uno che parla di "acqua di cristallizzazione di una pietra" non ha la piu' vaga
idea di quello che sta chiedendo, se non altro perche' "una pietra" non e' "un
composto chimico ben preciso". Ne sei consapevole?

--
Wakinian Tanka
*GB* 15 Mag 2017 21:41
Il 15/05/2017 15:32, Wakinian Tanka ha scritto a Massimo Soricetti:

> Uno che parla di "acqua di cristallizzazione di una pietra" non ha la piu'
vaga idea di quello che sta chiedendo, se non altro perche' "una pietra" non e'
"un composto chimico ben preciso". Ne sei consapevole?

Ben detto. Permettimi di dettagliare ulteriormente la tua risposta
all'OP. Questa foto mostra cinque di quelli che lui chiama "sassi":

https://mosaicodiciottoli.files.wordpress.com/2013/03/esempiociottoli-rid.jpg

Quello nero può essere costituito di gabbro o basalto (rocce scure
contenenti principalmente plagioclasio e pirosseni, che sono silicati di
alluminio e altri metalli).

Quello rossiccio sembra marmo rosso, ovvero CaCO3 mischiato a ematite
Fe2O3 (assente nelle zone biancastre).

Quello bianco sarà certo costituito di quarzite (roccia di quarzo SiO2
con un po' di mica) e/o di marmo o calcare (rocce di calcite CaCO3).

Quello verde variegato può contenere serpentino Mg3Si2O5(OH)4 dove è
verde scuro e olivina (Mg,Fe)2SiO4 dove è verde chiaro.

Infine quello grigio può essere di calcare marnoso, contenente (oltre a
CaCO3) minerali delle argille (vari silicati).

In definitiva, sono tutti sassi, ma non hanno la stessa composizione
chimica (neppure individualmente). Senza contare che spaccandoli con una
piccozza, all'interno si potrebbero trovare cristalli di composizione
differente dai materiali levigati in superficie dall'erosione. Ne deriva
che la domanda dell'OP riguardo ai sassi era del tutto priva di senso.

Comunque, se l'OP vuole sapere quanta acqua di cristallizzazione c'è in
quei minerali che sono dei solfati del tipo M(II)SO4, eccone una decina:

MgSO4·H2O = kieserite
MgSO4·7H2O = epsomite (aka sale inglese)
CaSO4 = anidrite
CaSO4·2H2O = gesso
SrSO4 = celestina
BaSO4 = barite
FeSO4·7H2O = melanterite (vetriolo verde)
CuSO4·5H2O = calcantite (vetriolo blu)
ZnSO4·7H2O = goslarite (vetriolo bianco)
PbSO4 = anglesite

Bye,

*GB*
Massimo Soricetti 16 Mag 2017 10:59
Il giorno lunedì 15 maggio 2017 21:41:16 UTC+2, *GB* ha scritto:
> Comunque, se l'OP vuole sapere quanta acqua di cristallizzazione c'è in
> quei minerali che sono dei solfati del tipo M(II)SO4, eccone una decina:
>
> MgSO4·H2O = kieserite
> MgSO4·7H2O = epsomite (aka sale inglese)
> CaSO4 = anidrite
> CaSO4·2H2O = gesso
> SrSO4 = celestina
> BaSO4 = barite
> FeSO4·7H2O = melanterite (vetriolo verde)
> CuSO4·5H2O = calcantite (vetriolo blu)
> ZnSO4·7H2O = goslarite (vetriolo bianco)
> PbSO4 = anglesite

Questa è l'acqua di cristallizzazione dei solfati. E' qualcosa.
Il resto? Silicati, carbonati ecc? Da dove hai preso questi dati? Ci sono
tabelle da qualche parte?
E per le sostanze organiche cristalline, come lo zucchero?

Per Tanka: l'acqua di cristallizzazione di un "sasso", che qui chiamo così
perché è ovvio che non posso usare termini tecnici in un gruppo generico, è
pari alla media pesata dell'acqua di cristallizzazione dei minerali componenti.
Non è tanto difficile.
Wakinian Tanka 16 Mag 2017 13:41
Il giorno martedì 16 maggio 2017 10:59:20 UTC+2, Massimo Soricetti ha scritto:
>
> Per Tanka: l'acqua di cristallizzazione di un "sasso", che qui chiamo così
> perché è ovvio che non posso usare termini tecnici in un gruppo generico, è
> pari alla media pesata dell'acqua di cristallizzazione dei minerali
> componenti.
> Non è tanto difficile.

Ok, di' un numero *a caso* tra 0 e 20, intero o razionale o irrazionale, come
preferisci. Scommetti che *almeno un sasso* che ha quel numero A CASO di
percentuale media d'acqua esistera' sicuramente?
Io ho detto tra 0 e 20 perche' non credo che "un sasso generico" ne possa
contenere tanta di piu', ma restringendo la classe dei "sassi" si puo'andare
anche molto oltre 20.
In ogni caso la tua domanda rimane *priva di senso*.

Tu avessi chiesto di *un minerale specifico*! In un "sasso" ci possono essere
centinaia di minerali differenti (ovviamente non tutti insieme) e in percentuali
arbitrarie.

Prova ad essere piu' specifico. Altrimenti l'unico modo per risponderti sarebbe
questo: Raccogli un campione significativo di pietre delle tue parti, o di
quelle che ti interessano di piu' (tipo un migliaio di pezzi), pesale in modo
accurato, polverizzale e scaldale in forno assicurandoti che non ci siano
carbonati che possono cedere CO2 nel riscaldamento, poi pesa di nuovo la polvere
risultante, fai la differenza, dividi per il peso iniziale e moltiplica per
cento...

Gia' che ci sono ti do un problemino simpatico: se il contenuto d'acqua iniziale
di 100kg di pietre e' del 99% e dopo averle polverizzate diventa del 98% (un po'
di H2O se ne va via come vapore nel processo di macinazione-polverizzazione)
qual'e' il peso delle pietre alla fine?

--
Wakinian Tanka
*GB* 16 Mag 2017 20:13
Il 16/05/2017 10:59, Massimo Soricetti ha scritto:

> Questa è l'acqua di cristallizzazione dei solfati. E' qualcosa.
> Il resto? Silicati, carbonati ecc?

Difficile trovare acqua di cristallizzazione nei silicati, dato che
hanno anioni polimerici, e *****ogamente per i solfuri di metalli pesanti
che hanno aspetto metallico, come ad es. galena PbS e pirite FeS2
(entrambi semiconduttori).

> Da dove hai preso questi dati?

A memoria per la maggior parte. Poi li ho controllati tutti uno per uno
su Wikipedia, dove ho anche trovato i nomi dei poco noti minerali che
prima non conoscevo.

> Ci sono tabelle da qualche parte?

Due liste si trovano qui:

https://en.wikipedia.org/wiki/Water_of_crystallization
#Table_of_crystallization_water_in_some_inorganic_halides
#Hydrates_of_transition_metal_sulfates

E una terza lista più eterogenea si trova qui:

http://www.endmemo.com/chem/common/hydrate.php

Riporto qui sotto in ordine alfabetico tutte le formule degli idrati in
quelle tre liste più le formule di allume di rocca, borace, kieserite,
scagliola, solfato d'alluminio, solfuro di so***** e destrosio monoidrato:

AlCl3·6H2O
Al2(SO4)3·16H2O
Al2(SO4)3·17H2O
Al2(SO4)3·18H2O
Ba(OH)2·8H2O
C6H12O6·H2O
CaCl2·2H2O
CaCl2·6H2O
Ca(NO3)2·4H2O
CaSO4·2H2O
(CaSO4)2·H2O
CdSO4·H2O
CoBr2·2H2O
CoBr2·4H2O
CoBr2·6H2O
CoCl2·2H2O
CoCl2·4H2O
CoCl2·6H2O
CoI2·6H2O
CoSO4·7H2O
CrCl2·4H2O
CrCl3·6H2O
Cr2(SO4)3·18H2O
CuBr2·4H2O
CuCl2·2H2O
Cu(NO3)2·3H2O
Cu(NO3)2·6H2O
CuSO4·5H2O
FeBr2·4H2O
Fe(CH3COO)2·4H2O
FeCl2·2H2O
FeCl2·4H2O
FeCl2·6H2O
FeCl3·6H2O
FeSO4·7H2O
IrBr3·4H2O
KAl(SO4)2·12H2O
MgCl2·6H2O
MgNH4PO4·6H2O
MgSO4·H2O
MgSO4·7H2O
MnBr2·2H2O
MnBr2·4H2O
MnCl2·2H2O
MnCl2·4H2O
MnCl2·6H2O
MnSO4·H2O
Na2B4O7·10H2O
NaCH3COO·3H2O
Na2CO3·10H2O
Na2Cr2O7·2H2O
Na2HPO4·7H2O
NaH2PO4·7H2O
Na2S·9H2O
Na2SO4·10H2O
Na2S2O3·5H2O
Ni(NO3)2·6H2O
NiBr2·6H2O
NiCl2·2H2O
NiCl2·4H2O
NiCl2·6H2O
NiI2·6H2O
NiSO4·4H2O
NiSO4·6H2O
NiSO4·7H2O
SnCl4·5H2O
VBr3·6H2O
VCl3·6H2O
VI3·6H2O
Zn(NO3)2·6H2O
ZnSO4·7H2O

> Per Tanka: l'acqua di cristallizzazione di un "sasso", che qui chiamo così
perché è ovvio che non posso usare termini tecnici in un gruppo generico, è
pari alla media pesata dell'acqua di cristallizzazione dei minerali componenti.

Tanka ti ha già risposto. Dalla lista sopra, vedi che per l'acqua di cr.
di un sasso puoi trovare qualsiasi valore me***** compreso fra zero e 18.
Ora svolgi il simpatico esercizio che Tanka ti ha dato.

Bye,

*GB*
Soviet_Mario 16 Mag 2017 20:42
On 14/05/2017 11.51, Massimo Soricetti wrote:
> Chiedo qui perché non sono riuscito a trovare dati altrove. (OK, non è che
ho cercato per mesi, d'accordo, però...)
>
> Quanta acqua di cristallizzazione c'è in un sasso?
> E quanta ce n'è in una zolletta di zucchero?
>
> Dove posso reperire questi dati per le rocce e le sostanze cristalline più
comuni?
>

acqua di cristallizzazione è un concetto preciso (ed è
stechiometrica), e come tale associabile solo a sostanze
pure. Molti minerali sono anidri, ma alcuni sono idrati (ad
es. varie forme di gesso naturale sono biidrati).

Lo zucchero non mi pare neppure che sia un idrato, ma non
sono sicuro, e non mi risulta nemmeno che formi idrati
cristallini stechiometrici.
L'acido citrico ad es. si : cristallizza facilmente come
monoidrato.

Circa il dove : cerca le singole sostanze, associando a
diciture tipo : hydrate o simili ...


--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
Soviet_Mario 16 Mag 2017 20:45
On 16/05/2017 10.59, Massimo Soricetti wrote:
> Il giorno lunedì 15 maggio 2017 21:41:16 UTC+2, *GB* ha scritto:
>> Comunque, se l'OP vuole sapere quanta acqua di cristallizzazione c'è in
>> quei minerali che sono dei solfati del tipo M(II)SO4, eccone una decina:
>>
>> MgSO4·H2O = kieserite
>> MgSO4·7H2O = epsomite (aka sale inglese)
>> CaSO4 = anidrite
>> CaSO4·2H2O = gesso
>> SrSO4 = celestina
>> BaSO4 = barite
>> FeSO4·7H2O = melanterite (vetriolo verde)
>> CuSO4·5H2O = calcantite (vetriolo blu)
>> ZnSO4·7H2O = goslarite (vetriolo bianco)
>> PbSO4 = anglesite
>
> Questa è l'acqua di cristallizzazione dei solfati. E' qualcosa.
> Il resto? Silicati, carbonati ecc?

i carbonati veri non alcalini sono spesso anidri, quelli
alcalini sono rari. Esiste un abbastanza abbondante
carbonato-bicarbonato misto, la "trona", che se non ricordo
male cristallizza idrato. Se cerchi trona su wiki dovrebbero
anche indicare l'idratazione.
Anche il borace cristallizza idrato, ma ha una formula che
viene spesso scritta in modi diversi, alcuni consumano tutto
l'idrogeno presente come se fosse del tutto presente come
acqua di cristallizzazione, altri, più correttamente,
scorporano i gruppi OH legati al boro e riducono il numero
reale di molecole di acqua.

> Da dove hai preso questi dati? Ci sono tabelle da qualche parte?
> E per le sostanze organiche cristalline, come lo zucchero?
>
> Per Tanka: l'acqua di cristallizzazione di un "sasso", che qui chiamo così
perché è ovvio che non posso usare termini tecnici in un gruppo generico, è
pari alla media pesata dell'acqua di cristallizzazione dei minerali componenti.
> Non è tanto difficile.

vero. E' ai limiti dell'impossibile. Variando col tipo di
sasso e con la sua storia pregressa.

>


--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
*GB* 16 Mag 2017 20:59
Il 16/05/2017 20:45, Soviet_Mario ha scritto:

> i carbonati veri non alcalini sono spesso anidri, quelli alcalini sono
> rari. Esiste un abbastanza abbondante carbonato-bicarbonato misto, la
> "trona", che se non ricordo male cristallizza idrato. Se cerchi trona su
> wiki dovrebbero anche indicare l'idratazione.

https://en.wikipedia.org/wiki/Trona

Trona (trisodium hydrogendicarbonate dihydrate, also sodium
sesquicarbonate dihydrate, Na2CO3·NaHCO3·2H2O) is a non-marine evaporite
mineral. It is mined as the primary source of sodium carbonate in the
United States, where it has replaced the Solvay process used in most of
the rest of the world for sodium carbonate production.

Formula: Na2CO3·NaHCO3·2H2O

> Anche il borace cristallizza idrato, ma ha una formula che viene spesso
> scritta in modi diversi, alcuni consumano tutto l'idrogeno presente come
> se fosse del tutto presente come acqua di cristallizzazione, altri, più
> correttamente, scorporano i gruppi OH legati al boro e riducono il
> numero reale di molecole di acqua.

https://en.wikipedia.org/wiki/Borax

Chemical formula: Na2B4O7·10H2O or Na2[B4O5(OH)4]·8H2O

>> pari alla media pesata dell'acqua di cristallizzazione dei
>> minerali componenti.
>> Non è tanto difficile.
>
> vero. E' ai limiti dell'impossibile. Variando col tipo di sasso e con la
> sua storia pregressa.

Però si ottiene un numero compreso fra zero e 18 come l'età anagrafica
dell'OP, giusto?

Bye,

*GB*
ADPUF 17 Mag 2017 23:04
Wakinian Tanka 13:41, martedì 16 maggio 2017:
> Il giorno martedì 16 maggio 2017 10:59:20 UTC+2, Massimo
> Soricetti ha scritto:
>>
>> Per Tanka: l'acqua di cristallizzazione di un "sasso", che
>> qui chiamo così perché è ovvio che non posso usare termini
>> tecnici in un gruppo generico, è pari alla media pesata
>> dell'acqua di cristallizzazione dei minerali componenti.
>> Non è tanto difficile.
[...]
> Prova ad essere piu' specifico. Altrimenti l'unico modo per
> risponderti sarebbe questo: Raccogli un campione
> significativo di pietre delle tue parti, o di quelle che ti
> interessano di piu' (tipo un migliaio di pezzi), pesale in
> modo accurato, polverizzale e scaldale in forno assicurandoti
> che non ci siano carbonati che possono cedere CO2 nel
> riscaldamento, poi pesa di nuovo la polvere risultante, fai
> la differenza, dividi per il peso iniziale e moltiplica per
> cento...


Non si potrebbe fare la distillazione frazionata delle pietre?
:-)

Cioè invece di arrostire all'aria aperta si fa al chiuso e si
mette una serpentina dove l'acqua condensa.


> Gia' che ci sono ti do un problemino simpatico: se il
> contenuto d'acqua iniziale di 100kg di pietre e' del 99% e
> dopo averle polverizzate diventa del 98% (un po' di H2O se ne
> va via come vapore nel processo di
> macinazione-polverizzazione) qual'e' il peso delle pietre
> alla fine?


Già, qual"è?
Sento odor di tranello...


--
AIOE °¿°
Ho plonkato tutti quelli che postano da Google Groups!
Qui è Usenet, non è il Web!
*GB* 18 Mag 2017 07:51
Il 17/05/2017 23:04, ADPUF ha scritto:

>> Gia' che ci sono ti do un problemino simpatico: se il
>> contenuto d'acqua iniziale di 100kg di pietre e' del 99% e
>> dopo averle polverizzate diventa del 98% (un po' di H2O se ne
>> va via come vapore nel processo di
>> macinazione-polverizzazione) qual'e' il peso delle pietre
>> alla fine?
>
> Già, qual"è?
> Sento odor di tranello...

Non credo che l'OP risponderà, dato il tipo. E allora diciamolo:
nell'esempio di Tanka, dopo la polverizzazione il peso delle pietre si
riduce alla metà (da 100 a 50 kg). Se non ci credi:

1 kg pietre anidre + 99 kg acqua = 100 kg (di cui acqua 99%)

1 kg pietre anidre + 49 kg acqua = 50 kg (di cui acqua 98%)

Però non è un esempio realistico per due motivi: 1) è inverosimile che
delle pietre possano contenere il 99% di acqua; 2) la metà dell'acqua
che evapora non è "un po'" di H2O.

Bye,

*GB*
Massimo Soricetti 21 Mag 2017 19:29
Il giorno martedì 16 maggio 2017 20:13:56 UTC+2, *GB* ha scritto:
> *GB*

Perfetto, grazie :-)

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

La chimica | Tutti i gruppi | it.scienza.chimica | Notizie e discussioni chimica | Chimica Mobile | Servizio di consultazione news.