La chimica
 

sigillante non corrosivo

not1xor1 19 Mar 2017 12:41
mi servirebbe un sigillante non corrosivo, ad alta resistività
elettrica (la costante dielettrica non è molto importante) e
soprattutto poco permeabile a H20 (liquida e vapore)

vorrei limitare lo scambio con l'umidità esterna di un componente
elettronico racchiuso in resina epossidica (un buried zener usato come
riferimento di tensione)

c'è qualche prodotto facilmente reperibile ad un costo accessibile?

--
bye
!(!1|1)
Boiler 20 Mar 2017 19:37
On Sun, 19 Mar 2017 12:41:10 +0100, not1xor1 <@libero.it> wrote:

>c'è qualche prodotto facilmente reperibile ad un costo accessibile?

Parylene.
Si trova facilmente chi ti fa il lavoro e costa poco. Ma non credo sia
facilmente fattibile da soli (a meno di non avere una camera per la
CVD).

Boiler
not1xor1 21 Mar 2017 10:05
Il 20/03/2017 19:37, Boiler ha scritto:
> On Sun, 19 Mar 2017 12:41:10 +0100, not1xor1 <@libero.it> wrote:
>
>> c'è qualche prodotto facilmente reperibile ad un costo accessibile?
>
> Parylene.
> Si trova facilmente chi ti fa il lavoro e costa poco. Ma non credo sia
> facilmente fattibile da soli (a meno di non avere una camera per la
> CVD).

grazie, non conoscevo questo prodotto

comunque immagino che a questo punto costi meno comprare un nuovo
componente con un contenitore ceramico o metallico o accontentarsi di
quello che ho già :-)

tanto è roba a livello hobbystico...

--
bye
!(!1|1)
not1xor1 21 Mar 2017 12:11
Il 20/03/2017 22:03, Ste ha scritto:
> Dettagli prodotto
>
> Non-Corrosive Silicone Sealant

grazie, ma non dice niente riguardo la permeabilità al vapore

per esempio se hai una vasca in policarbonato riempita di acqua non
vedrai cadere una goccia

ma se scaldi a 150°C o più il policarbonato anche tenuto in un
ambiente senza particolari caratteristiche di umidità eccessiva si
gonfia riempendosi di bolle di vapore per l'umidità assorbita

--
bye
!(!1|1)
Boiler 21 Mar 2017 21:45
On Tue, 21 Mar 2017 10:05:32 +0100, not1xor1 <@libero.it> wrote:


>tanto è roba a livello hobbystico...

Ah, credevo fosse roba industriale. In tal caso dimentica il Parylene.

Come hai giustamente detto, a 150°C il vapore acqueo diffonde
attraverso qualsiasi tipo di o-ring.

Una soluzione per piccole serie o prototipi che ho usato spesso sono
le giunzioni metallo-vetro (googola "metal glass feedthru"): ne saldi
uno al tuo componente, lo infili in un tubetto di ottone di diametro
adatto, saldi l'altro reoforo sull'altro lato con il secondo feedthru
e poi li saldi ambidue al tubetto.

Se saldi bene, ti passano il test di tenuta con l'elio senza problemi
:)

Boiler
not1xor1 22 Mar 2017 10:47
Il 21/03/2017 21:45, Boiler ha scritto:

>> tanto è roba a livello hobbystico...
>
> Ah, credevo fosse roba industriale. In tal caso dimentica il Parylene.
>
> Come hai giustamente detto, a 150°C il vapore acqueo diffonde
> attraverso qualsiasi tipo di o-ring.

il problema è più che altro che il vapore disciolto a temperatura
ambiente o poco più (forse inserirò il chip in un box termostatato a
40-50°C) provoca uno stress meccanico sul contenitore in epossidica
che a suo volta deforma il silicio variando la tensione di riferimento

se riuscissi a racchiudere il circuito contenente l'integrato in modo
da ridurre le variazioni di umidità interna rispetto a quelle
dell'ambiente penso sarebbe già molto

> Una soluzione per piccole serie o prototipi che ho usato spesso sono
> le giunzioni metallo-vetro (googola "metal glass feedthru"): ne saldi
> uno al tuo componente, lo infili in un tubetto di ottone di diametro
> adatto, saldi l'altro reoforo sull'altro lato con il secondo feedthru
> e poi li saldi ambidue al tubetto.

stavo già cercando i componenti per far passare i terminali di
alimentazione e la tensione di uscita (feed through capacitor) :-)

grazie dei consigli

--
bye
!(!1|1)
not1xor1 22 Mar 2017 10:47
Il 21/03/2017 22:50, Ste ha scritto:

> Non saprei..... Non conosco la problematica specifica ne l'applicazione,
> quindi scusa se dico una ca...ta, ma se è su un pcb dual layer potresti
> considerare di isolarlo dall'atmosfera saldandogli intorno un
> "contenitorino" a tenuta....

sì mi sto orientando su questa soluzione (e nel frattempo sto vedendo
altri componenti di recupero in contenitore ceramico venduti dai cinesi)

grazie

--
bye
!(!1|1)
Soviet_Mario 22 Mar 2017 13:32
On 21/03/2017 21.45, Boiler wrote:
> On Tue, 21 Mar 2017 10:05:32 +0100, not1xor1 <@libero.it> wrote:
>
>
>> tanto è roba a livello hobbystico...
>
> Ah, credevo fosse roba industriale. In tal caso dimentica il Parylene.
>
> Come hai giustamente detto, a 150°C il vapore acqueo diffonde
> attraverso qualsiasi tipo di o-ring.
>

scusa se vado totalmente OT ... ma mi pare di capire che sei
molto familiare con le tecnologie di sigillamento e di
vuoto, per cui approfitto.

Hai sentito parlare dei nuovi tubi solari termici sottovuoto
senza saldature ? Sostanzialmente avrebbero un tubo a doppia
camicia (col vuoto interno) fatta di solo vetro monoblocco,
e poi questo guscio isolante sarebbe avvitato al collettore,
e la piastra captante starebbe dentro il lume centrale, non
a vuoto.
Mi pare di avere capito che, per quanto nel vano interno non
si raggiunga proprio il medesimo isolamento che avendo la
piastra captante proprio nel vuoto, tuttavia il
funzionamento su lungo tempo è più costante perché, non
avendo saldature di sorta, mantengono il vuoto per più a
lungo di quanto si presume venga l'impianto.
PAsso quindi a chiederti, se ne hai visto :
1) ho capito giusto o ho preso fischi per fiaschi ?
2) come distinguere questo nuovo design da quello vecchio a
tubi totalmente evacuati ?
3) sai mica qualche brand produttore e/o distributore che ne
tratta ? Vorrei cercare in rete per vedere che prezzi fanno ...

Se vuoi followare su energie.alternative, o su fai-da-te,
vedi tu ...

> Una soluzione per piccole serie o prototipi che ho usato spesso sono
> le giunzioni metallo-vetro (googola "metal glass feedthru"): ne saldi

proverò per curiosità
Ciao

> uno al tuo componente, lo infili in un tubetto di ottone di diametro
> adatto, saldi l'altro reoforo sull'altro lato con il secondo feedthru
> e poi li saldi ambidue al tubetto.
>
> Se saldi bene, ti passano il test di tenuta con l'elio senza problemi
> :)
>
> Boiler
>


--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
Boiler 22 Mar 2017 21:12
On Wed, 22 Mar 2017 10:47:13 +0100, not1xor1 <@libero.it> wrote:

>il problema è più che altro che il vapore disciolto a temperatura
>ambiente o poco più (forse inserirò il chip in un box termostatato a
>40-50°C) provoca uno stress meccanico sul contenitore in epossidica
>che a suo volta deforma il silicio variando la tensione di riferimento

Strained silicon... c'è gente che paga caro per questo effetto :p

>se riuscissi a racchiudere il circuito contenente l'integrato in modo
>da ridurre le variazioni di umidità interna rispetto a quelle
>dell'ambiente penso sarebbe già molto

Per evitare i cambiamenti devi siggillare.
Oppure, se non sei ermetico, usi setacci molecolari a non finire.

Ciao, Boiler
Boiler 22 Mar 2017 21:13
On Wed, 22 Mar 2017 13:32:46 +0100, Soviet_Mario
<SovietMario@CCCP.MIR> wrote:

>Hai sentito parlare dei nuovi tubi solari termici sottovuoto
>senza saldature ?

Mi dispiace, ma non ne so nulla. Né di questo tipo, né dell'altro :-/

Ciao Boiler

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

La chimica | Tutti i gruppi | it.scienza.chimica | Notizie e discussioni chimica | Chimica Mobile | Servizio di consultazione news.