La chimica
 

Acido

faffocurti15@gmail.com 31 Mar 2017 00:35
Ciao,
Se ho della sabbia di fiume con vari sassi di metalli tra cui quarzo, rame ferro
e oro, c è un acido o altro che sciolga solo l oro e non gli altri minerali in
modo che una volta filtrato il tutto posso riportare allo stato solido l oro in
polvere?
Che acido posso utilizzare?
wakinian.tanka@gmail.com 31 Mar 2017 08:42
No non c'e' un "acido" del genere, pero' ci sono acidi che sciolgono Fe e Cu ma
non Au, ad es. acido nitrico.
Una volta assicurato che in fase solida di metalli c'e' solo Au, puoi
dissolverlo con Acqua Regia (3 parti HCl + 1 di HNO3).

--
Wakinian Tanka
Soviet_Mario 31 Mar 2017 15:34
On 31/03/2017 00.35, faffocurti15@gmail.com wrote:
> Ciao,
> Se ho della sabbia di fiume con vari sassi di metalli

sassi di metalli ?

> tra cui quarzo, rame ferro e oro,

iniziamo a dire che il primo non è un metallo ma un composto

> c è un acido o altro che sciolga solo l oro e non gli altri minerali

ora sono diventati "minerali", interessante.

Cmq, come ti ha già detto cometa, tra i metalli l'oro è tra
i più refrattari alla corrosione, quindi esso NON si
scioglierebbe.

Ammettiamo pure che uno volesse sciogliere sul serio tutto
il resto e filtrare l'oro : nemmeno il più ricco dei filoni
/ sabbia aurifera (reali) sarebbe in realtà sufficientemente
ricca che il valore dell'oro recuperato possa anche
lontanamente compensare il colossale esborso di reagenti
chimici consumati per ... sciogliere tutto il resto !

Col ferro (metallo) te la cavi a buon prezzo con una
calamita potente.

> in modo che una volta filtrato il tutto posso riportare allo stato solido l
oro in polvere?

anche ammettendo che l'oro fosse stato disciolto, come sale,
servirebbe almeno una (sia pure b*****e) reazione di
spostamento, ad es. con limatura di ferro, seguita da un
ulteriore robusta bollitura in HCl abbastanza conc. per
ripulire le pagliuzze d'oro dall'eventuale eccesso di ferro
residuo (magari anche una macinazione).

se cerchi con wiki, a parte la efficientissima (lenta, ma
poco costosa) cernita manuale, adatta a filoni con oro di
sufficiente granulometria, come certe sabbie id fiume, ci
sono sostanzialmente solo due processi (E uno solo rimasto
vitale)

* l'antico processo di amalgamazione con MERCURIO. Il
mercurio (costoso, tossico e inquinantissimo) disperso in un
cavato grezzo e macinato, scioglie soltanto l'oro (se c'è,
ma è raro, anche eventuale argento nativo).
Poi i ******* amari scattano nel recuperare completamente il
mercurio dagli scarti (sapendo che il rimanente tramuta tali
scarti in un rifiuto speciale altamente tossico e non
recuperabile con facilità, e parliamo di una massa di
terra/rocce enorme).
Il mercurio recuperato, filtrato, viene distillato, non so
se si faccia a pressione ridotta o meno : cmq rimane oro
solido come residuo, e il vapore di mercurio, condensato,
viene riciclato. Questo processo è oggi desueto (credo quasi
ovunque, almeno su grande scala).

* l'attacco con cianuri alcalini e flottazione con aria.
Questo attacco in realtà discioglie molti altri (eventuali,
e rari, metalli liberi, tipo argento nativo e se c'è rame
nativo, ancora più raro. Altri metalli pesanti non
accompagnano spesso l'oro).
Si ottiene un sale alcalino, solubile, contenente ione
complesso cianoaurato.
Penso che basti evaporare il liquido e calcinare il solido,
ma probabilmente si otterrebbe oro di qualità inferiore da
ripurificare. Per elettrolisi invece si può recuperare oro
ad alta purezza con una spesa cmq irrisoria.

> Che acido posso utilizzare?

nessuno. Ci avrebbero già pensato, non credi ? E' dalla
notte dei tempi che gli uomini si rovellano a cercare modi
di recuperare l'oro, e mo' arrivi tu, che non distingui
ossidi, metalli, minerali, e presupponi che a legioni di
interessati tra cui stu*****si, sia sfuggito il b*****e trucco
? Mah. Tra l'altro, se ne conoscessi uno io, a mia volta mi
dedicherei a tirare fuori oro dalle sabbie :)

>


--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
VITRIOL 31 Mar 2017 15:59
Il 31/03/2017 00:35, faffocurti15@gmail.com ha scritto:

> Se ho della sabbia di fiume

Io sono di origine piemontese, e la ricerca dell'oro alluvionale nelle
sabbie di fiume è una specie di passatempo festivo come andare a pesca.
Si fa sfruttando il diverso peso specifico delle microscopiche pagliuzze
d'oro rispetto al resto dei detriti, usando un grande piatto di metallo
svasato (simile a un wok orientale) maneggiandolo con una certa abilità
e tanta pazienza.
Oppure con il c*****etto, una sorta di piano inclinato con delle
sc*****ature su cui si fa scorrere l'acqua, ma non so se sia ammesso
nella ricerca sportiva.
Detto per inciso, è uno sport/passatempo, se si cerca il guadagno è
meglio cambiare interesse.

--
Saluti
VITRIOL
Romeo 31 Mar 2017 18:45
che acido posso utilizzare?
>
> nessuno. Ci avrebbero già pensato, non credi ? E' dalla notte dei tempi che
> gli uomini si rovellano a cercare modi di recuperare l'oro, e mo' arrivi tu,
> che non distingui ossidi, metalli, minerali, e presupponi che a legioni di
> interessati tra cui stu*****si, sia sfuggito il b*****e trucco ? Mah. Tra
> l'altro, se ne conoscessi uno io, a mia volta mi dedicherei a tirare fuori
> oro dalle sabbie :)

Ma sei sicuro?

https://it.wikipedia.org/wiki/Acqua_regia

Mi pare che lo insegnino gia' alle superiori.
Soviet_Mario 31 Mar 2017 19:56
On 31/03/2017 18.45, Romeo wrote:
> che acido posso utilizzare?
>>
>> nessuno. Ci avrebbero già pensato, non credi ? E' dalla
>> notte dei tempi che gli uomini si rovellano a cercare modi
>> di recuperare l'oro, e mo' arrivi tu, che non distingui
>> ossidi, metalli, minerali, e presupponi che a legioni di
>> interessati tra cui stu*****si, sia sfuggito il b*****e
>> trucco ? Mah. Tra l'altro, se ne conoscessi uno io, a mia
>> volta mi dedicherei a tirare fuori oro dalle sabbie :)
>
> Ma sei sicuro?
>
> https://it.wikipedia.org/wiki/Acqua_regia
>
> Mi pare che lo insegnino gia' alle superiori.

infatti LA INSEGNO alle superiori.
Evidentemente non comprendi quel che leggi.
L'acqua regia scioglie l'oro ma NON è selettiva (scioglie
anche ogni altro metallo, incluso il platino, a fatica
l'iri*****).

Sicché torna implacabile il discorso che facevo : una
qualunque miscela con una abbondanza di oro realistica,
implica un consumo di reagente (costoso, contenente 25 % di
acido nitrico conc.) stratosferico che ti manda subito in rosso.



--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
ADPUF 31 Mar 2017 20:38
Soviet_Mario 15:34, venerdì 31 marzo 2017:
>
> se cerchi con wiki, a parte la efficientissima (lenta, ma
> poco costosa) cernita manuale, adatta a filoni con oro di
> sufficiente granulometria, come certe sabbie id fiume, ci
> sono sostanzialmente solo due processi (E uno solo rimasto
> vitale)
>
> * l'antico processo di amalgamazione con MERCURIO. Il
> mercurio (costoso, tossico e inquinantissimo) disperso in un
> cavato grezzo e macinato, scioglie soltanto l'oro (se c'è,
> ma è raro, anche eventuale argento nativo).
> Poi i ******* amari scattano nel recuperare completamente il
> mercurio dagli scarti (sapendo che il rimanente tramuta tali
> scarti in un rifiuto speciale altamente tossico e non
> recuperabile con facilità, e parliamo di una massa di
> terra/rocce enorme).
> Il mercurio recuperato, filtrato, viene distillato, non so
> se si faccia a pressione ridotta o meno : cmq rimane oro
> solido come residuo, e il vapore di mercurio, condensato,
> viene riciclato. Questo processo è oggi desueto (credo quasi
> ovunque, almeno su grande scala).


Leggevo che lo usavano in Amazzonia con gran danno per gli
in*****s.

Non so se c'è ancora.


> * l'attacco con cianuri alcalini e flottazione con aria.
> Questo attacco in realtà discioglie molti altri (eventuali,
> e rari, metalli liberi, tipo argento nativo e se c'è rame
> nativo, ancora più raro. Altri metalli pesanti non
> accompagnano spesso l'oro).
> Si ottiene un sale alcalino, solubile, contenente ione
> complesso cianoaurato.
> Penso che basti evaporare il liquido e calcinare il solido,
> ma probabilmente si otterrebbe oro di qualità inferiore da
> ripurificare. Per elettrolisi invece si può recuperare oro
> ad alta purezza con una spesa cmq irrisoria.


Avevo letto che in Sudafrica "seminavano" dei particolari
batteri nei mucchioni di minerale di scarto delle miniere che
pare "concentrassero" l'oro ancora presente ma in percentuale
troppo bassa per i normali metodi.



>> Che acido posso utilizzare?
>
> nessuno. Ci avrebbero già pensato, non credi ? E' dalla
> notte dei tempi che gli uomini si rovellano a cercare modi
> di recuperare l'oro, e mo' arrivi tu, che non distingui
> ossidi, metalli, minerali, e presupponi che a legioni di
> interessati tra cui stu*****si, sia sfuggito il b*****e trucco?
> Mah. Tra l'altro, se ne conoscessi uno io, a mia volta mi
> dedicherei a tirare fuori oro dalle sabbie :)


Non tutte le sabbie contengono oro...
Credo che ce ne sia di più dove ci sono montagne di granito e
rocce simili (Piemonte), nel calcare (qui) credo che manchi.


--
AIOE °¿°
Soviet_Mario 1 Apr 2017 02:11
On 31/03/2017 20.38, ADPUF wrote:
> Soviet_Mario 15:34, venerdì 31 marzo 2017:
>>
>> se cerchi con wiki, a parte la efficientissima (lenta, ma
>> poco costosa) cernita manuale, adatta a filoni con oro di
>> sufficiente granulometria, come certe sabbie id fiume, ci
>> sono sostanzialmente solo due processi (E uno solo rimasto
>> vitale)
>>
>> * l'antico processo di amalgamazione con MERCURIO. Il
>> mercurio (costoso, tossico e inquinantissimo) disperso in un
>> cavato grezzo e macinato, scioglie soltanto l'oro (se c'è,
>> ma è raro, anche eventuale argento nativo).
>> Poi i ******* amari scattano nel recuperare completamente il
>> mercurio dagli scarti (sapendo che il rimanente tramuta tali
>> scarti in un rifiuto speciale altamente tossico e non
>> recuperabile con facilità, e parliamo di una massa di
>> terra/rocce enorme).
>> Il mercurio recuperato, filtrato, viene distillato, non so
>> se si faccia a pressione ridotta o meno : cmq rimane oro
>> solido come residuo, e il vapore di mercurio, condensato,
>> viene riciclato. Questo processo è oggi desueto (credo quasi
>> ovunque, almeno su grande scala).
>
>
> Leggevo che lo usavano in Amazzonia con gran danno per gli
> in*****s.
>
> Non so se c'è ancora.

cosa non fanno in Amazonia, ******* santa :(

>
>
>> * l'attacco con cianuri alcalini e flottazione con aria.
>> Questo attacco in realtà discioglie molti altri (eventuali,
>> e rari, metalli liberi, tipo argento nativo e se c'è rame
>> nativo, ancora più raro. Altri metalli pesanti non
>> accompagnano spesso l'oro).
>> Si ottiene un sale alcalino, solubile, contenente ione
>> complesso cianoaurato.
>> Penso che basti evaporare il liquido e calcinare il solido,
>> ma probabilmente si otterrebbe oro di qualità inferiore da
>> ripurificare. Per elettrolisi invece si può recuperare oro
>> ad alta purezza con una spesa cmq irrisoria.
>
>
> Avevo letto che in Sudafrica "seminavano" dei particolari
> batteri nei mucchioni di minerale di scarto delle miniere che
> pare "concentrassero" l'oro ancora presente ma in percentuale
> troppo bassa per i normali metodi.
>

non ne so niente. La cosa strana è che bioconcentrare dei
sali in soluzione ci può stare (e l'oro è rarissimo in
soluzione). Ma non capisco come potrebbero bio-concentrare
pagliuzze in fase eterogenea. Boh ... cmq non sono
informato, ergo mi taccio

>
>
>>> Che acido posso utilizzare?
>>
>> nessuno. Ci avrebbero già pensato, non credi ? E' dalla
>> notte dei tempi che gli uomini si rovellano a cercare modi
>> di recuperare l'oro, e mo' arrivi tu, che non distingui
>> ossidi, metalli, minerali, e presupponi che a legioni di
>> interessati tra cui stu*****si, sia sfuggito il b*****e trucco?
>> Mah. Tra l'altro, se ne conoscessi uno io, a mia volta mi
>> dedicherei a tirare fuori oro dalle sabbie :)
>
>
> Non tutte le sabbie contengono oro...
> Credo che ce ne sia di più dove ci sono montagne di granito e
> rocce simili (Piemonte), nel calcare (qui) credo che manchi.
>

si certo, solo le rocce ignee, o al limite sedimentarie,
possono contenerne. CAlcare e dolomite hanno una genesi che
non giustifica molto la presenza di oro o di diamanti

>


--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
Elio Fabri 1 Apr 2017 17:31
ADPUF ha scritto:
> Leggevo che lo usavano in Amazzonia con gran danno per gli in*****s.
>
> Non so se c'è ancora.
Ho visto un documentario (credo su Rai3 non molto tempo fa, ma non so
quando fosse stato girato).
Mostrava dei villaggi nella regione andina dela Bolivia, dove
l'estrazione dell'oro mediante mercurio era praticata con mezzi
assolutamente primitivi.
Non sono sicuro, ma direi che la separazione dall'amalgama era fatta
facendo evaporare il mercurio col fuoco.
Non credo proprio che ci fosse alcun modo di recuperare il mercurio.
Di sicuro se lo respiravano tranquillamente.

D'altra parte, quando vivi in un posto dove crescono solo patate...
Non so se ora le cose siano cambiate.
Con "gold mining nercury" si trova parecchio materiale in google.
Si apprende per es. che lo stesso fanno in Tanzania.


--
Elio Fabri
Soviet_Mario 1 Apr 2017 18:18
On 01/04/2017 17.31, Elio Fabri wrote:
> ADPUF ha scritto:
>> Leggevo che lo usavano in Amazzonia con gran danno per gli
>> in*****s.
>>
>> Non so se c'è ancora.
> Ho visto un documentario (credo su Rai3 non molto tempo fa,
> ma non so
> quando fosse stato girato).
> Mostrava dei villaggi nella regione andina dela Bolivia, dove
> l'estrazione dell'oro mediante mercurio era praticata con mezzi
> assolutamente primitivi.
> Non sono sicuro, ma direi che la separazione dall'amalgama
> era fatta
> facendo evaporare il mercurio col fuoco.
> Non credo proprio che ci fosse alcun modo di recuperare il
> mercurio.

maremma. Evidentemente erano giacimenti ricchi tali da
rendere possibile sopportare lo spreco di una risorsa di per
sé pregiata (il mercurio).

> Di sicuro se lo respiravano tranquillamente.
>
> D'altra parte, quando vivi in un posto dove crescono solo
> patate...

si probabilmente la vita media è già breve, e nessuno fa
caso a che a 50 anni hai la demenza o blocco renale :\

> Non so se ora le cose siano cambiate.
> Con "gold mining nercury" si trova parecchio materiale in
> google.
> Si apprende per es. che lo stesso fanno in Tanzania.

le miniere in Africa in generale vengono condotte nel più
completo spregio dei minatori, spesso bambini. Anche le
lavorazioni successive, con soluzioni caustiche varie e
sverso dei rifiuti, sono fatte come capita.
Se non è il mondo peggiore possibile, non ci manca tanto

>
>


--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
wakinian.tanka@gmail.com 1 Apr 2017 22:22
Il giorno sabato 1 aprile 2017 18:18:17 UTC+2, Soviet_Mario ha scritto:

> le miniere in Africa in generale vengono condotte nel più
> completo spregio dei minatori, spesso bambini. Anche le
> lavorazioni successive, con soluzioni caustiche varie e
> sverso dei rifiuti, sono fatte come capita.
> Se non è il mondo peggiore possibile, non ci manca tanto

Li non ce l'hanno la ASL ...

--
Wakinian Tanka
faffocurti15@gmail.com 2 Apr 2017 14:58
Soviet Mario sarai anche una mente superiore ma simpatia e umiltà zero, se ho
scritto qua è perchè non sò di chimica e minerali e sassi, bastava una
semplice risposta come hanno fatto gli altri intervenuti.
Ciao.
Soviet_Mario 2 Apr 2017 15:04
On 02/04/2017 14.58, faffocurti15@gmail.com wrote:
> Soviet Mario sarai anche una mente superiore

ma per favore !

> ma simpatia e umiltà zero,

eh no, chi non è umile sei tu, e te l'ho già spiegato, solo
che non hai capito o non vuoi capire.
Ammettiamo pure la buona fede, ma il fatto rimane : quello
di avere implicitamente considerato dei babbei tutti coloro
che ti hanno preceduto nel tentativo.
Io non mi sognerei mai di presumere questo, ogni volta che
mi addentro in un campo per me inesplorato. Chi è l'umile
allora ?

> se ho scritto qua è perchè non sò di chimica e minerali e sassi,

e questo non è un reato

> bastava una semplice risposta come hanno fatto gli altri intervenuti.

la risposta te l'ho data, e anche argomentata. Se fosse
semplice o meno non lo posso giudicare : ho descritto
l'esistente, e sollevato obiezioni su cose che parrebbero in
teoria plausibili mentre nella realtà si rivelerebbero
fallimentari. Sicché hai avuto quel che cercavi, di che ti
puoi lamentare ? Forse del fatto di non poter sfruttare
l'oro ... ahimè, il mondo è crudele

> Ciao.
>


--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
faffocurti15@gmail.com 2 Apr 2017 15:09
Scusa la mia ignoranza.
Ciao.
ADPUF 3 Apr 2017 23:00
Soviet_Mario 02:11, sabato 1 aprile 2017:

>> Avevo letto che in Sudafrica "seminavano" dei particolari
>> batteri nei mucchioni di minerale di scarto delle miniere
>> che pare "concentrassero" l'oro ancora presente ma in
>> percentuale troppo bassa per i normali metodi.


Ricordo molto vago, eh!


> non ne so niente. La cosa strana è che bioconcentrare dei
> sali in soluzione ci può stare (e l'oro è rarissimo in
> soluzione). Ma non capisco come potrebbero bio-concentrare
> pagliuzze in fase eterogenea. Boh ... cmq non sono
> informato, ergo mi taccio


Trovato questo (punto 3):

https://www.hindawi.com/archive/2013/507168/


Oppure qui (ma senza batteri, forse ricordavo male):

https://en.wikipedia.org/wiki/Heap_leaching


--
AIOE °¿°
Soviet_Mario 4 Apr 2017 01:44
On 03/04/2017 23.00, ADPUF wrote:
> Soviet_Mario 02:11, sabato 1 aprile 2017:
>
>>> Avevo letto che in Sudafrica "seminavano" dei particolari
>>> batteri nei mucchioni di minerale di scarto delle miniere
>>> che pare "concentrassero" l'oro ancora presente ma in
>>> percentuale troppo bassa per i normali metodi.
>
>
> Ricordo molto vago, eh!
>
>
>> non ne so niente. La cosa strana è che bioconcentrare dei
>> sali in soluzione ci può stare (e l'oro è rarissimo in
>> soluzione). Ma non capisco come potrebbero bio-concentrare
>> pagliuzze in fase eterogenea. Boh ... cmq non sono
>> informato, ergo mi taccio
>
>
> Trovato questo (punto 3):
>
> https://www.hindawi.com/archive/2013/507168/

mamma mia, non sapevo niente del "bioleaching". Veramente
interessante

>
>
> Oppure qui (ma senza batteri, forse ricordavo male):
>
> https://en.wikipedia.org/wiki/Heap_leaching

beh si fanno entrambe le cose. Qui, sull'oro, cita soltanto
la cianurazione.
Ma nell'altro documento, per rimuovere i solfuri inerti alla
cianurazione (tipo la pirite) che circondano il poco oro e
la rallentano, parla effettivamente di questi batteri
ossidativi che disgregano e liscivano via la pirite e il
solfuro ferroso come solfato ferrico solubile (in vari
step), lasciando i cristalli d'oro meglio esposti alla
successiva cianurazione aerobica


>
>


--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

La chimica | Tutti i gruppi | it.scienza.chimica | Notizie e discussioni chimica | Chimica Mobile | Servizio di consultazione news.